25 giugno 2017

CRONACA E POLITICA - Cronaca

 
Inserito da il 24 Giugno 2013 - Cantù

Cantù, un giro in giro con 'Giromobili'

Immagine:Cantù, un giro in giro con 'giromobili'

Mobili e volontariato nel segno della gratuità

Un magazzino, un furgone e un gruppo formato da una decina ragazzi e ragazze con tanto entusiasmo e voglia di mettersi a disposizione di chi ha bisogno, facendo della gratuità e della disponibilità le parola d’ordine del loro servizio. Pochi ingredienti ma essenziali quelli che sono alla base di Giromobili, una realtà unica nel paesaggio del volontariato nel nostro territorio. Nato quattro anni fa quasi per caso, Giromobili si occupa di recuperare mobili da coloro a cui non servono più, per ridistribuirli a chi invece ne ha davvero bisogno, ma magari non può permetterselo. Il tutto a fronte semplicemente delle donazioni di coloro che credono nel progetto e vogliono contribuire al suo proseguimento, segno importante dello spirito di gratuità che caratterizza Giromobili. Attorno a questa idea di base si è costruito pian piano una rete fatta di persone, realtà particolari e esperienze importanti, fino ad arrivare, lo scorso 23 aprile, alla trasformazione di Giromobili in un’associazione vera e propria.
Ma per capire meglio come funziona questa realtà, ci siamo uniti ai ragazzi di Giromobili, seguendoli nelle loro attività.


La giornata inizia al sabato mattina, giorno dedicato alla consegna e al ritiro dei mobili. Il ritrovo è un garage in quel di Senna Comasco, di proprietà di uno dei membri del gruppo, e ora adibito a magazzino dell’associazione. Qui i mobili ritirati vengono conservati fino a quando non verranno riconsegnati al nuovo proprietario.   Ovviamente, il ritiro dei mobili usati avviene secondo certi criteri e questo è spesso uno dei problemi che Giromobili deve affrontare: quello di essere scambiato per un servizio traslochi a basso costo (se non addirittura a costo zero) che permette di sbarazzarsi di mobili vecchi e magari in pessime condizioni. Come i membri del gruppo tengono a precisare, la gratuità o l’economicità del servizio non deve essere sinonimo di superficialità o bassa qualità dei mobili.

Come dice il nome stesso dell’associazione, lo scopo è quello di far fare un “giro” ai mobili, da dove non servono più a dove invece ce n’e necessità, nella convinzione che chi si trova in condizioni di bisogno o in situazioni difficili, non per questo ha meno diritto di ricevere oggetti di qualità e in buono stato. Infatti, nel corso delle oltre 400 consegne effettuate negli anni, la maggior parte delle richieste arrivava da persone in difficoltà o attraverso segnalazioni da organi come la Caritas o la Mensa del povero.

Come nel caso di oggi, in cui la richiesta veniva da una famiglia appena trasferitasi a Lomazzo che per difficoltà economiche non può permettersi un armadio. Così, un mobile che giaceva nel garage di un’altra famiglia residente nella stessa città, è passato “a miglior vita” nella casa di chi ne aveva bisogno.

Tutti questi spostamenti vengono effettuati con un furgoncino, anch’esso di proprietà di uno dei membri e messo a disposizione del gruppo. Le spese vengono coperte (quando si riesce) con le libere offerte di chi sostiene questo progetto anche se, purtroppo, spesso le uscite superano di gran lunga le entrate. Ma la mancanza di fondi o di un deposito appropriato non hanno spento nel corso degli anni la grinta di questi ragazzi, che continuano a mettersi a disposizione, anche se questo vuol dire ogni tanto contribuire di tasca propria alle spese dell’associazione. Anzi, nella maggior parte delle volte, non solo i ragazzi consegnano i mobili, ma si adoperano anche per smontarli e rimontarli. Oggi infatti è stata la volta di un armadio a quattro ante che, pur con qualche difficoltà tecnica e logistica, alla fine è stato completamente montato.


La cosa che colpisce guardando questi ragazzi all’opera è che, pur non essendo nessuno di loro un traslocatore o un falegname, passione, ingegno e forza di volontà compensano ampiamente queste “mancanze” tecniche. Basti pensare a chi si è trovato nella situazione di dover traslocare o montare un armadio in casa, tra stress maledizioni alle istruzioni scritte in svedese e tanta fatica. E questi ragazzi ogni settimana ricominciano da capo, con un altro mobile e un altro viaggio. Sarà forse l’ironia della sorte a sottolineare con quanta gratuità lavorano questi ragazzi, che proprio nella stessa via questa mattina nella stessa via c’era una “concorrente” ditta di traslochi.
Ma se tanta è l’entusiasmo dei membri del Giromobili, tanto è anche il bisogno di far fronte alle spese e a un magazzino troppo piccolo.

Ecco perchè Nonsolocomo dedica questo articolo a questi ragazzi e alla loro associazione, nella speranza che possa giovare non solo a loro, ma anche a chi, trovandosi in un momento di difficoltà, dovvesse aver bisogno di usufruire di questo servizio. Per chi volesse saperne di più, può visitare il sito giromobili.blogspot.it, o scrivere alla mail giro.mobili@email.it o chiamare allo 3451168683.

 


Elisa Speziali

Eventi in programma Cantùvedi tutti »

REGISTRATI A
NonSoloComo.info
Sei un cittadino?
Registrati subito
Sei un ente o
un'associazione?
Registrati subito
Sei un'attività commerciale?
Registrati subito

Informazioni

Chi siamo

Contatti / Assistenza

Lavora con noi

Cookie Policy

Servizi gratuiti al cittadino*

Inserimento video

Eventi

Annunci

Servizi gratuiti per enti no-profit*

Inserimento video

Annunci

Bacheca news/eventi

Minisito

Servizi per attività commerciali

Inserimento video

Annunci

Bacheca news/eventi

Pubblicità

Minisito

(*): necessaria la registrazione, servizi gratuiti per il privato cittadino e per gli enti no-profit.
(*): NonSoloComo.info, ringraziando tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del "calendario eventi", comunica che non si assume alcuna responsabilità per eventuali cambiamenti di programma, date e orari.
Mercurio servizi srl - Tel: +39 031.539880 - Fax: +39 031.2280230 - Mail: info@nonsolocomo.info - PIVA:02762230130