1 maggio 2017

CRONACA E POLITICA - Cronaca

 
Inserito da il 3 Aprile 2017 - San Fermo della Battaglia

ARTE IN OSPEDALE: L'ARTISTA DORIAM BATTAGLIA DONA DUE OPERE

Immagine:Arte in ospedale: l'artista doriam battaglia dona 
due opere

Si intitolano “Dendriti” e “Energia del colore” e sono le due opere donate all'ospedale Sant'Anna di San Fermo della Battaglia dall'artista e architetto comasco Doriam Battaglia. I quadri sono esposti nella sala soggiorno della Degenza Chirurgica 2, al secondo piano del presidio, e danno nuova luce al locale, rendendolo più accogliente e gradevole. La prima opera, di 2mtx2mt, è realizzata con smalti su tela, la seconda (100x70 cm), con tecnica mista su tela ed è stata una delle vincitrici della mostra-concorso "Energia del Colore", allestita nel 2016 nel presidio di via Ravona dal Circolo Cultura e Arte di Como.
Stamattina la donazione è stata presentata nel corso di una breve cerimonia alla presenza dell'autore, dei primari Marco Arnaboldi (Neurologia) e Silvio Bellocchi (Neurochirurgia), delle caposala Marilena Pirola e Carla Fanella oltre che di operatori ospedalieri, pazienti e familiari.

Un gesto, quello di Battaglia, animato dal desiderio di regalare a chi è ricoverato o lavora in ospedale un'esplosione di colori, creatività, emozioni e fantasia. 
   "Ringraziamo  sinceramente l’architetto Battaglia per la donazione - hanno sottolineato Arnaboldi e Bellocchi. Consideriamo gli artisti di arte visiva dei colleghi. Le arti visive hanno una grandissima affinita’ con la neurologia. Semir Zeki docente britannico, professore di neurobiologia alla University College di Londra e’ uno dei maggiori esperti  del cervello visivo.  E’ fondatore  dell’Istituto di Neuroestetica dove i ricercatori sono incoraggiati  ad utilizzare l’arte  per comprendere meglio come funziona il cervello. L’arte è quindi un’estensione  della funzione cerebrale. L’artista puo’ essere considerato  un neuroscienziato  che esplora  le potenzialita’ e le capacita’ del cervello con tecniche personali  coadiuvandolo nella comprensione del mondo".

La fruizione dell'opera d'arte e i neuroni specchio
Per poter parlare di ciò che passa attraverso la visione, ha proseguito Arnaboldi, ovvero la fruizione dell’opera d’arte, bisogna far riferimento a un apparato di conoscenze tecniche che rendano ragione di quel fenomeno e di quei meccanismi che collettivamente indichiamo con il termine “visione”. La visione è un processo attivo e articolato. Come dimostrano molti esperimenti su soggetti sani e cerebrolesi, l’atto del vedere è spiccatamente costruttivo e di conseguenza può essere scomposto in una serie non ancora interamente definita di stadi (fra i quali, ad esempio, il riconoscimento del colore, della forma e delle relazioni cromatiche tra due aree distinte ma prossime), la realizzazione dei quali è affidata a strutture anatomiche identificabili e distinguibili fra loro.
Il sensore visivo è molto importante per la sopravvivenza  perche’ dà un’informazione rapida, molto più veloce del messaggio verbale. Più del 50% dei neuroni della corteccia risponde all’informazione proveniente dagli occhi.  Già 500 milioni di anni fa, nel Cambriano, esistevano animali  con occhi molto sviluppati (i trilobiti); il linguaggio  nasce molto dopo, solo 30mila anni fa  e solo più recentemente, 5mila anni fa, è nata la scrittura, che è un prodotto culturale del cervello attraverso meccanismi di plasticità che ne permettono l’apprendimento.
Quando osserviamo un’opera d’arte stiamo entrando in empatia a livello cerebrale con essa e con l’artista che l’ha creata, al di là del tempo e dello spazio. Sono certamente coinvolti i neuroni  specchio: utilizzando come soggetti sperimentali dei macachi, alcuni ricercatori italiani hanno osservato  che alcuni gruppi di neuroni si attivano non solo quando gli animali sono intenti a determinate azioni, ma anche quando guardano qualcun altro compiere le stesse azioni. Cosi’ anche nell’uomo ed anche per le emozioni. Attraverso i neuroni specchio l'osservazione di un'opera d'arte genera nell'osservatore in maniera automatica, non consapevole e pre-riflessiva i medesimi stati emozionali consci o inconsci che il suo autore ha voluto più o meno consapevolmente esprimere.

Biografia
Nato a Berbenno di Valtellina (SO) il 19 febbraio 1949, Doriam Battaglia vive e lavora in Como dal 1957. Negli anni ’70 frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera (Scuola libera del nudo) e la Fondazione Castellini, scuola di Arti e Mestieri. Laureato in Architettura nell’anno 1975 al Politecnico di Milano, frequenta l’Università IUAV di Venezia facoltà di Architettura e, nel 1981, la Scuola Internazionale di Grafica di Venezia, Corso di Litografia. All’inizio degli anni ’90 segue un corso di calcografia presso lo studio milanese dell’incisore TOGO (Enzo Migneco) e nel medesimo periodo frequenta un corso di incisione presso l’Associazione Giosuè Carducci di Como, un corso di disegno e pittura e uno di modellato con lo scultore comasco Massimo Clerici. Successivamente segue un corso di ceramica Raku con il maestro Walter Castelnuovo, presso il suo studio di Faggeto Lario fraz. Palanzo. Nell’anno 2002 frequenta un corso di scultura per la pietra Ardesia (Lavagna) presso le Cave di Molino di Triora in Val Argentina, Taggia (IM) e dal 1994 tiene corsi di disegno e pittura dal vero e di figura presso il proprio laboratorio in Como.

Eventi in programma San Fermo della Battagliavedi tutti »

REGISTRATI A
NonSoloComo.info
Sei un cittadino?
Registrati subito
Sei un ente o
un'associazione?
Registrati subito
Sei un'attività commerciale?
Registrati subito

Informazioni

Chi siamo

Contatti / Assistenza

Lavora con noi

Cookie Policy

Servizi gratuiti al cittadino*

Inserimento video

Eventi

Annunci

Servizi gratuiti per enti no-profit*

Inserimento video

Annunci

Bacheca news/eventi

Minisito

Servizi per attività commerciali

Inserimento video

Annunci

Bacheca news/eventi

Pubblicità

Minisito

(*): necessaria la registrazione, servizi gratuiti per il privato cittadino e per gli enti no-profit.
(*): NonSoloComo.info, ringraziando tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del "calendario eventi", comunica che non si assume alcuna responsabilità per eventuali cambiamenti di programma, date e orari.
Mercurio servizi srl - Tel: +39 031.539880 - Fax: +39 031.2280230 - Mail: info@nonsolocomo.info - PIVA:02762230130